giovedì 16 febbraio 2017

La gemella sbagliata di Ann Morgan Recensione

Buongiorno Readers erranti. come procedono le vostre letture? Settimana scorsa, ho terminato di leggere La gemella sbagliata per Piemme, un thriller psicologico che non mi ha proprio conquistata...


La gemella sbagliata
Ann Morgan


Editore: Piemme
Prezzo: Rigido 16,58 € Ebook 9,99€
Genere: Thriller
Data di pubblicazione: 31 Gennaio 2017

Trama: Hai mai avuto paura di restare intrappolata nella vita di un'altra? Helen ed Ellie sono gemelle. Identiche. Almeno così le vedono gli altri. Ma le due bambine sanno che non è così: Helen è la leader, Ellie la spalla. Helen decide, Ellie obbedisce. Helen pretende, Ellie accetta. Helen inventa i giochi, Ellie partecipa. Finché Helen ne inventa uno un po' troppo pericoloso: scambiarsi le parti. Solo per un giorno. Dai vestiti alla pettinatura ai modi di fare. Ed ecco che Ellie, con la treccia di Helen, comincia a spadroneggiare, mentre Helen si finge la sottomessa e spaventata Ellie. È divertente, le due bambine ridono da matte. Ci cascano tutti, perfino la mamma. Ma, alla sera, quando il gioco dovrebbe essere finito, e Helen pretende di tornare a essere se stessa, Ellie per la prima volta dice di no. Ormai è lei la leader. E non tornerà indietro. Da questo momento, per la vera Helen comincia l'incubo...






Recensione

Helen ed Ellie sono gemelle identiche, quando a sei anni, durante un pomeriggio decidono di fare un , innocente, innocuo e  semplice gioco scambiarsi le identità, Helen diventa Ellie ed Ellie diventa Helen.
Helen è la mente, Ellie è il braccio, e dalla prima che nasce questo gioco, doveva essere solo un gioco, ma in realtà e molto di più, perché Ellie si è immedesimata talmente bene nel ruolo di Helen che non vuole rinunciare al suo momento,  mentre per la reale Ellie, il semplice gioco è diventato qualcosa di pericoloso, diventa il suo incubo... Eppure nessuno si accorge di questo piccolo scambio d' identità nemmeno la madre, tutti hanno abboccato ma a farne le spese è la finta Ellie...

Dai, Ellie» dico. «Facciamo un gioco


La gemella sbagliata è una lettura che mi ha tenuta compagnia fino a Domenica sera, è stata una lettura che ho interrotta più volte, dedicandomi alla lettura di un altro libro, che vi parlerò più in là, ma non ha saputo  darmi quelle emozioni che un bel thriller ti sa trasmettere, ansia, suspense e adrenalina.
La storia vortica, intorno a  Helen ed  Ellie, due gemelle, per gioco scambiano, i ruoli, le identità,  nessuno si accorge di questo piccolo scambio, in primis la madre un personaggio che non ho apprezzato, non ho parole per descriverla e la psicologa che da anni  cura la vera Ellie  non si  accorge di questo scambio,  nemmeno un dubbio, ma siamo serie?






E in quel momento capisco. Non devi essere nessuno. Non devi essere Helen o Ellie. Non devi essere nessuno in particolare
La narrazione di La gemella sbagliata, viene raccontata in alternanza fra passato e presente, da Helen/ la finta Ellie bambina che ci narra la sua non vita vera, e dalla reale Helen nella sua vita reale, odierna.


Non ti importa di fargli male e non ti importa che te ne facciano, e proprio per questo – strano, vero? – non ti fai male quasi mai. E anche quando capita, non è importante, perché non sei veramente lì. Non possono toccarti
Ora, dovete capire,  cover stupenda, trama promettente, mi sono fiondata a leggerlo, ho dato la precedenza a questo libro, per un non nulla... Zero emozioni, da questo genere l' emozioni dovrebbero essere molte e invece no, nulla, niente, nada... Tutto fumo e niente arrosto...
A un certo punto della lettura, mi aspettavo un colpo di scena grande, immenso - un errore di  scambio reale e non fittizio, come esempio -, ho aspettato  ma niente di cosi sconvolgente da poter salvare la lettura e farmi sentire tutte quelle emozioni che un thriller sa suscitare in un lettore...




Oscurità, dolore, noncuranza: niente ha senso, ma sei l’unica a saperlo. Non esistono conseguenze, non c’è un disegno predefinito. Solo le bugie mantengono le persone al loro posto, ognuna a recitare la sua parte. Idioti
E allora cosa salvo da La gemella sbagliata ? Lo stile dell' autrice, fluido, scorrevole nonostante le emozioni che non mi ha saputo trasmettere.
In conclusione, il mio voto è 2.5/5 , anche se nel box delle informazioni è un due, un libro da cui mi aspettavo molto, ma ahimè, le emozioni che mi aspettavo non sono state provate!



****************************
E voi booksellers l' avete letto?
Lo leggerete? Nonostante la gemella sbagliata non sia il thriller che stavo cercando, non mi abbatto e continuo la mia ricerca e ho già adocchiato un libro, sempre thriller, ma questa volta della HarperCollins Italia, incrocio le dita =)!





A presto,
Ella

Adesso mi vado a nascondere per l' imbarazzo di questa recensione, non è da me, lo so...

17 commenti:

  1. Ciao! :) Ho letto diverse recensioni di questo libro, e nessuna completamente positiva. All'inizio mi incuriosiva parecchio, perché la trama è accattivante, ma ora credo proprio che lascerò perdere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao =); mi incuriosiva molto anche a me ma credimi, è stata una delusione su tutti i fronti -.-, grazie per il commento !

      Elimina
  2. Ciao! mi sa che senza colpo di scena resta un flop. ti do ascolto e passo oltre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, il colpo di scena - quello che mi aspettavo -, non c'è mai stato =(, peccato poteva essere un buon thriller ricco di suspense -.-, ma senza il colpo di scena resta, come hai detto tu, un flop , grazie per il commento !

      Elimina
  3. Ciao! Questo libro mi incuriosisce molto, ma anche io ho letto pareri non proprio positivi. Mi infastidisce il fatto che nessuno si accorga dello scambio e che neanche la gemella sbagliata si ribelli a questa situazione.
    E poi non suscita emozioni di nessun genere, non c'è il colpo di scena finale.. No, no, mi sa proprio che lascio perdere anche io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, puoi sempre dargli una chance =), a chi l' ho dici sono rimasta molto perplessa su questo punto, nemmeno un insignificante dubbio, niente di niente -.-, la gemella sbagliata cerca di ribellarsi ma non ci riesce o.O, grazie per il commento !

      Elimina
  4. Mi ero innamorata della cover e del plot non appena ho visto questo libro. La settimana scorsa l'ho persino accarezzato adorante in libreria perché la copertina è soft e satinata.
    Ma ho letto solo recensioni di persone deluse e quindi ho accantonato l'idea di leggerlo se si conclude in un nulla di fatto e non c'è affatto il pathos promesso dalla trama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao =), la cover mi piace molto, puoi dargli sempre una chance =), non sono un' esperta di thriller, anzi, ma tutti i thriller che ho letto in questi anni erano ricchi di pathos ma questo no, decisamente no; grazie per il commento !

      Elimina
  5. Ciao:),
    hai ragione la trama è molto promettente. Leggendola mi ha intrigato nonostante questo non sia il genere di libro che leggo solitamente. Certo, leggere questi pareri non proprio positivi mi lascia un po' titubante... mmm vedremo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao =), esatto la trama è promettente e il restante non mi ha colpito, è una storia che ha del potenziale ma non viene sviluppato bene, a mio parere, come te non è proprio il genere che leggo ma ogni tanto mi piace variare, fammi sapere se lo leggerai =)!

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ciao =), hai detto la parola giusta " sembrava ", grazie per il commento !

      Elimina
  7. Sì, copertina e trama sono molto molto belli, nonostante la tua recensione negativa, sono lo stesso incuriosita :)
    Buon weekend!
    xoxo Connor

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cover e trama sono entrambi belli, ma ahimè non mi è piaciuto, chissà a te potrà piacere ;)!
      Ella

      Elimina
  8. Ciao!
    Sulle prime questo romanzo mi ha attirata. Come hai detto tu la cover è invitante e la trama promettente, ma dopo le prime recensioni mi ha ricordato Una famiglia quasi perfetta e, non avendolo amato particolarmente, ho deciso di lasciar perdere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro da te citato mi manca come lettura e quindi non posso fare un confronto, ma, puoi dargli pur sempre una chance se ti va ;)!

      Elimina

Il nostro piccolo angolo, cresce grazie ai vostri commenti e alla nostra comune passione per la lettura.
Aiutateci a crescere, diventando un lettore fisso o dividendo i nostri articoli mediante il pulsante G+1.